Un avvocato può essere amministratore di condominio?

In vitadacondomini,condominio,rispondelavvocato il
Autore: Staff

Un tema sempre dibattuto ed oggetto di diverse interpretazioni è quello se un avvocato possa svolgere l’attività di amministratore di condominio. Insomma, la domanda è se vi sia incompatibilità. Lo abbiamo chiesto a Francesco Piscazzi del Foro di Bari.

Avvocato Francesco Piscazzi

La compatibilità è ammessa tenuto conto che la nomina quale amministratore di un condominio non instaura un rapporto di subordinazione con quest’ultimo (Commissione consultiva CNF, parere 25 giugno 2009, n. 26; Id, n. 1 del 29 gennaio 2009; Id, n. 154 del 26 settembre 2003).

Va anzitutto ricordato che il condominio è un ente di gestione privo di personalità giuridica distinta da quella dei singoli condomini i quali sono rappresentati dall’amministratore e non costituiscono un’entità diversa da quest’ultimo (in termini, Cass. 11 gennaio 2012 n. 177 [ord.] in CED Cassazione rv 620729), tanto vero che l’esistenza di un rappresentante unitario non li priva della facoltà di agire a difesa dei diritti esclusivi e comuni inerenti all’edificio condominiale (Cass. 16 maggio 2011, n. 10717, ivi rv 617438).

L’irriducibilità allo schema economico/giuridico dell’impresa e/o della società è, peraltro, confermata dall’inclusione del condominio nel recinto di protezione del consumatore che, come noto, è la persona fisica la quale agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale, commerciale, artigianale, o professionale eventualmente svolta ed in tale veste contratta col professionista.

Vuoi promuovere davvero il tuo lavoro? Contattaci

L’incarico di amministratore condominiale configura un ufficio di diritto privato, assimilabile al mandato con rappresentanza, con la conseguente applicabilità delle disposizioni sul mandato (Cass. 16 ago. 2008, n. 10815, ivi rv 535589); e proprio al mandato si riferisce ora anche l’art. 9 della recente legge n. 220 dell’11 dicembre 2012 (recante la modifica della disciplina del condominio negli edifici) quando, modificando l’art. 1229 c.c., attribuisce all’assemblea la facoltà di subordinare la nomina dell’amministratore alla presentazione di una polizza di assicurazione per la responsabilità civile “(…) per gli atti compiuti nell’esercizio del mandato” (ivi, art. 1129,terzo periodo, c.c.).

Alla luce della riforma del Condominio non si configurano profili di incompatibilità tra la professione forense e l’incarico di amministratore condominiale, ove lo svolgimento dell’incarico di amministratore condominiale sia svolta in maniera occasionale e non preponderante rispetto alla professione di avvocato.

Iscriviti alla newsletter

Commenti
Condividilo

Tag:, , , , ,