Superbonus: nel 2021 rientrano anche ascensori e montacarichi

In superbonus il
Autore: Gennaro Del Core

Nella legge di Bilancio 2021 sono rientrati, nell’ambito del superbonus, anche i lavori per la realizzazione o l’ammodernamento dei strutture finalizzate alla rimozione delle barriere architettoniche. Parliamo di ascensori e montacarichi in favore di portatori di handicap gravi o di persone con più di 65 anni di età.

L’installazione di ascensori e montacarichi, con la legge di Bilancio 2021, sono diventati lavori trainati del superbonus. Questo vuol dire che possono essere realizzati, al seguito di lavori trainanti, con la finalità specifica di rimuovere barriere architettoniche in favore di disabili gravi e anziani over 65. Il proprietario dell’unità immobiliare funzionalmente indipendente o il condominio potrà ricevere una grande agevolazione, dunque, per rendere il proprio abitato un luogo “friendly” nei confronti di chi vive una condizione di difficoltà motoria.

La mobilità all’interno di un edificio o di un’unità immobiliare indipendente, ad esempio una villa, rappresenta un banco di prova per verificare l’effettiva abitabilità per molte persone. Una misura che allarghi la platea, di fatto a tutti gli anziani, garantisce un sicuro impatto sociale. Tutto questo, tuttavia, fatto salvo che si tratti sempre di lavori che si potranno realizzare solo se collegati a quelli principali, finalizzati all’efficientamento energetico o alle misure anti sismiche. La notizia si inserisce nel quadro più ampio delle novità introdotte con la legge di Bilancio 2021 sul superbonus (qui potrai rivedere la nostra diretta sul superbonus). Un’altra molto importante, infatti, è quella che sposta l’orizzonte temporale fino al giugno 2022 e, nei casi di lavori già realizzati per il 60%, anche al 31 dicembre sempre del 2022. Una misura che, sostanzialmente, dovrebbe ridare respiro ad un settore in crisi già da prima della pandemia. Ancora, tra gli interventi agevolati di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro dell’edificio rientra anche la coibentazione del tetto, “senza limitare il concetto di superficie disperdente al solo locale sottotetto eventualmente esistente”.

In una società sempre più liquida, con sempre meno certezze e con una sempre maggiore conflittualità e disinteresse rispetto all’autorità, sarà un bene poter utilizzare uno strumento che provi ad unire i bisogni dei più deboli con le aspirazioni di miglioramento energetico degli altri. Solo così, l’allargamento delle agevolazioni da superbonus avrà un impatto positivo sulla società e non solo per il tornaconto personale di alcuni. Potrà sembrare visionario ma anche da queste cose si costruisce un luogo migliore dove vivere, non solo in senso fisico ma anche spirituale.

Seguici su Telegram 

 

 

Condividilo

Tag:, , ,