Il Senato dà il via libera, tutti i bonus sulla casa

In norme e tributi il
Autore: Staff

Il Senato ha approvato la Legge di Bilancio 2018 con 136 voti favorevoli e 30 contrari. Ora si attende l’ok della Camera. Diversi sono, come ogni anno ormai, i provvedimenti a favore del mercato dell’edilizia.

Il Governo Gentiloni ha introdotto alcune modifiche rispetto all’attuale regime normativo e fiscale in materia di edilizia. Tutte le novità andranno in vigore dal 1° gennaio 2018. In Senato, durante la discussione, si è parlato di proroghe e varianti, persino dell’introduzione di nuovi bonus per la casa. Vediamo insieme di cosa si tratta:

  • Bonus ristrutturazioni: detrazione pari al 50% (in discesa rispetto al 65%) per la sostituzione di finestre, caldaie con impianto a condensazione o installazione di schermature solari;
  • Ecobonus: detrazione sempre pari al 65% per gli interventi relativi all’efficienza energetica (pannelli solari per la produzione di acqua calda, interventi sull’involucro opaco, installazione di sistemi domotici e micro-cogeneratori);
  • Sismabonus: restano invariate le soglie. Detrazioni tra il 50% ed il 70% nel caso in cui l’intervento comporta il passaggio ad una sola classe di rischio inferiore, detrazioni fino all’80% per il passaggio a due classi. Per la prima volta il bonus viene esteso egli edifici di edilizia popolare. Il tetto di spesa massimo è sempre pari a 96 mila euro;
  • Bonus verde: per un massimo di 5 mila euro per unità abitativa sarà detraibile il 36%. E’ questa la vera novità. Di quali interventi si tratta? sistemazione, recupero, sistemi di irrigazione e realizzazione di pozzi per giardini, aree verdi, terrazzi e balconi anche di proprietà condominiale;
  • Bonus mobili: riconfermata la detrazione pari al 50% per acquisti fino a 10 mila euro in elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ e mobili necessari per arredare l’unità abitativa appena ristrutturata.

Nel testo esaminato al Senato viene citato l’ecoprestito. Altro non è che la possibilità di chiedere un prestito per effettuare lavori di riqualificazione energetica. A garanzia di questo, sono a disposizione 150 milioni di euro nel Fondo nazionale per l’efficienza energetica istituito con il D.Lgs. 102/2014.

Il testo del disegno di legge di Bilancio 2018 passerà ora al vaglio della Camera.

Dei bonus e di altri importanti temi, relativi all’evoluzione dell’edilizia e del modo di abitare le città, si parlerà nel nostro prossimo workshop del 15 dicembre. Partecipa anche tu!

Commenti
Condividilo

Tag:, , , , , , , ,