Rapporto sullo stato delle politiche per il paesaggio

In ambiente,urbanistica il
Autore: Staff

Il primo “Rapporto sullo stato delle politiche per il paesaggio” esprime con chiarezza i principali fenomeni e fattori che hanno inciso sulla qualità del paesaggio e sulle sue trasformazioni. Il documento si sviluppa in circa 500 pagine ed è denso di riferimenti a dati dell’ISTAT e dell’ISPRA.

Il rapporto è stato presentato il 25 ottobre scorso a Roma in occasione degli “Stati Generali del Paesaggio” indetti dal MiBACT. La redazione del documento rientra tra i compiti dell’Osservatorio Nazionale per la Qualità del Paesaggio, istituto ai sensi dell’art. 133 del Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs n. 42 del 22 gennaio 2004), attivo presso il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo a partire dal 2015.

Con questo testo si provvede ad una ricognizione di un quadro estremamente vario e complesso quale quello delle politiche attuative per il paesaggio. Quali sono le strategie e le azioni capaci di influire sull’assetto del territorio? Quali settori incidono sulle trasformazioni del paesaggio? Parliamo di economia, ambiente, turismo, urbanistica, ricerca, università, industria…

Il Rapporto sullo stato delle politiche per il paesaggio rappresenta un lavoro importante per un Paese come il nostro. L’Italia è il primo Paese che tutela il paesaggio nella Costituzione. Proprio per questo, il Ministro Dario Franceschini ricorda a tutti che “bisogna smettere di sprecare il suolo, che è necessario tutelare ancora di più le nostre coste e che lo Stato e le Regioni insieme devono difendere la bellezza del nostro paesaggio, che è un valore assoluto, non solo culturale ma anche economico, perché la bellezza italiana ha un grande valore nel Mondo”. 

Il documento è diviso per grandi temi: Il paesaggio italiano nelle statistiche ufficiali; Governare i paesaggi: l’amministrazione ‘quotidiana’ del paesaggio; Il futuro del paesaggio; Formazione, educazione e sensibilizzazione alla qualità del paesaggio; La partecipazione dei cittadini e delle associazioni.

Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter

Commenti
Condividilo

Tag:, , , , ,