Quanto vale il mercato della casa smart?

In casa,domotica il
Autore: Gennaro Del Core

Le case smart sono ormai una realtà nel nostro paese. Ma quanto vale il mercato della casa smart in Italia? Prova a rispondere una ricerca del Politecnico di Milano.

Secondo l’Osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano si parla di un volume d’affari di 250 milioni di euro. 

Non sai come promuovere la tua attività? Chiedilo a noi

L’Osservatorio è stato istituito nel 2011 proprio con lo scopo di avvicinare imprese, pubbliche e private, al mondo IoT – Internet of Things. Un mondo che affascina sempre più persone e che porta con sé grandi potenzialità di sviluppo, sia in termini di miglioramento della qualità della vita sia in termini di crescita economica.

Ma torniamo alla ricerca, un italiano su tre possiede già almeno un dispositivo per la sua casa intelligente, nel 2017 si è verificata una crescita del 35% su base annua. Il 30% degli acquisti nel settore hi-tech per la casa avviene online. Una crescita complessiva importante anche se inferiore alla media europea.

L’82% del mercato, tuttavia, è ancora legato alla filiera tradizionale, composta da installatori e distributori di materiale elettrico, ma cresce la quota dei “nuovi” canali come retailer, eRetailer e assicurazioni che insieme rappresentano il 18% (circa 30 milioni di euro). I possibili impieghi sono molti e variegati, però la maggioranza delle oltre 290 soluzioni per la casa connessa censite in Italia e all’estero (il 31%) è dedicata alla sicurezza – tra videocamere di sorveglianza, serrature, videocitofoni connessi e sensori di movimento – seguita dalla gestione energetica, come le soluzioni per il controllo remoto degli elettrodomestici (10%), la gestione dei sistemi di riscaldamento e raffreddamento (8%), il monitoraggio dei consumi dei dispositivi elettrici (10%).

Segui il blog dei professionisti del Gdpr, regolamento europeo sul trattamento dei dati personali

In attesa dell’esplosione finale del mercato dei dispositivi per le case smart, che presumibilmente avverrà con la definitiva discesa in campo di grandi player come Apple e Google, si riscontrano ancora due ordini di problemi:

  1. La difficoltà ad installare da soli i dispositivi;
  2. Le norme sulla privacy.

Molte persone hanno bisogno di aiuto per installare correttamente i dispositivi. Inoltre, soprattutto per quelli legati al tema della sicurezza, non è ancora ben definito il raggio di azione per via delle limitazioni imposte dalle leggi in materia di privacy.

Tuttavia, non si può fermare il vento con le mani e la strada verso una casa sempre più smart è ormai tracciata. Noi l’abbiamo scelto anche nel nome del nostro blog.

Iscriviti alla newsletter

Commenti
Condividilo

Tag:, , ,