Migliorare il comfort acustico dell’edificio si può

In norme e tributi,riqualificareunedificio,riqualificazione energetica il
Autore: Staff

Avete mai pensato al comfort acustico durante i lavori di ristrutturazione? Molto spesso, isolare termicamente gli ambienti non basta. Proteggersi dal rumore è fondamentale per garantire un buon livello di prestazioni edilizie.

Quale migliore occasione, quella della riqualificazione di un edificio, per migliorarne le prestazioni di isolamento acustico?!

Proviamo ad approfondire il tema insieme, con questo e nei prossimi articoli, analizzando le prescrizioni in vigore e le soluzioni tecnologiche presenti sul mercato.

Attualmente in Italia gli edifici vengono progettati secondo il D.P.C.M. 05/12/1997, emanato per “fissare criteri e metodologie per il contenimento dell’inquinamento da rumore degli ambienti abitativi” con il fine di ridurre l’esposizione umana al rumore. Nel 2010, inoltre, è stata emanata la norma tecnica UNI 11367 “Classificazione acustica delle unità immobiliari – Procedura di valutazione e verifica in opera”. Quest’ultima spiega i criteri attraverso i quali determinare la classe acustica di una unità immobiliare esistente sulla base dei risultati delle misurazioni fonometriche eseguite sull’edificio ad opera di un tecnico competente. In materia di edifici pubblici, il DM 11 gennaio 2017 sui Criteri Ambientali Minimi ha imposto il raggiungimento della Classe II e di altri parametri racchiusi nella UNI 11367.

La classificazione acustica globale si calcola sulla base della media matematica dei singoli descrittori; nella classificazione delle unità immobiliari, oltre al valore globale, vanno sempre indicati gli indici per i singoli requisiti.

I requisiti che devono essere verificati sono:

http://www.missionerumore.it/

a) Potere fonoisolante apparente;

b) Isolamento acustico di facciata;

c) Livello di rumore di calpestio di solai normalizzato;

d) Livello di rumore degli impianti a funzionamento discontinuo;

e) Livello di rumore degli impianti a funzionamento continuo;

f) Tempo di riverberazione.

Per isolare opportunamente gli ambienti e garantire il perfetto comfort acustico, è necessario capire in che modo si propagano le onde sonore. La propagazione dei rumori può avvenire in due modi: attraverso l’utilizzo di materiali fonoassorbenti o di materiali fonoisolanti. Come si individuano i sistemi più idonei? Quali i prodotti adeguati?

Come per la riqualificazione energetica, è necessario effettuare una “diagnosi acustica” e definire insieme al committente l’obiettivo di isolamento che si intende raggiungere.

Resta aggiornato, continua a seguire la rubrica #normeetributi oppure iscriviti alla newsletter di Casa Smart.

 

Commenti
Condividilo

Tag:, , , , , ,