Mercato immobiliare: aumentano le compravendite di case in Puglia

In mercato immobiliare il
Autore: Staff

Secondo l’analisi del Centro Studi di Confartigianato Puglia, nel 2018 è in aumento il numero di compravendite di immobili in Puglia. La ricerca si basa sui dati Istat ed è focalizzata sul mercato residenziale.

In particolare, nel 2018, in Puglia, le transazioni sul mercato residenziale sono state 33.608 (contro le 32.153 dell’anno prima). L’incremento è stato di 1.455 unità abitative, pari al 4,5 per cento. Si stima un fatturato, nel corso del 2018, di ben 3 miliardi 812 milioni di euro, pari al 4 per cento del totale del fatturato delle compravendite residenziali in Italia (94 miliardi 261 milioni di euro). Nel 2017 il fatturato era stato di tre miliardi 655 milioni di euro.

Le compravendite sono state analizzate anche per dimensioni:

  1. I monolocali fino a 50 metri quadri;
  2. Le piccole abitazioni da 50 a 85 metri quadri;
  3. I fabbricati medio-piccoli da 85 a 115 metri quadri;
  4. Quelli medi da 115 a 145 metri quadri;
  5. Quelli grandi oltre 145 metri quadri.

In dettaglio, le contrattazioni hanno interessato 3.661 monolocali, che rappresentano il 10,9 per cento del totale delle transazioni; 8.537 piccole abitazioni, pari al 25,4 per cento delle compravendite; 9.560 case medio – piccole, pari al 28,4 per cento degli scambi commerciali; 6.730 fabbricati medi, pari al 20 per cento degli acquisti; 5.121 immobili di grandi dimensioni, pari al 15,2 per cento delle contrattazioni. Per un totale di 33.608 fabbricati compravenduti.

I dati elaborati dal nostro Centro studi regionale – commenta Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia – lasciano intravedere un mercato immobiliare pugliese in ripresa. È indubbio che il nostro patrimonio immobiliare necessiti di un profondo ammodernamento in termini di sicurezza, efficienza e qualità.
Sotto questo aspetto, la legge statale di Bilancio e il “Decreto crescita” hanno ridefinito e potenziato sia le agevolazioni fiscali per interventi edilizi antisismici, sia quelle per l’efficienza energetica degli edifici. Nel
caso dei condomìni, è stata anche prevista la possibilità di pagare le spese attraverso la cessione del credito fiscale. Il sistema incentivante dovrebbe contribuire a produrre un effetto moltiplicatore“.

Entra nella nostra community Linkedin

Commenti
Condividilo

Tag:, ,