L’Immagine della Città 2017, convegno AIDIA a Cosenza

In città,ambiente,debat public,incontri,norme e tributi,notadelladomenica,urbanistica il
Autore: Rossana Saponaro

“Immagine della Città 2017” è il titolo del convegno nazionale organizzato da AIDIA per il prossimo venerdi, 6 ottobre, a cui avrò l’onore di partecipare come relatrice.

A fine agosto, si sa, anche se il sole continua ad essere cocente, bisogna riprendere le attività lavorative. In una di quelle pigre mattinate, navigando nel web, mi capita di cliccare su di una call for papers: L’immagine della città 2017. Apro l’allegato e decido di partecipare, pur sapendo di dover inviare il mio contributo entro il 4 settembre.

Il convegno è alla seconda edizione e pone al centro del dibattito domande sul futuro della città. Quest’anno, l’AIDIA (Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti) ha lanciato una nuova sfida consapevole del fatto che “le città da sempre sono lo specchio dei successi e delle crisi di una società, sono il luogo dove vive la maggior parte delle persone e dove coesistono contrasti e geniali possibilità di trasformazione e come tali, svolgono un ruolo significativo rispetto alla non più rinviabile necessità di affrontare e superare indiscutibili problemi quali il degrado sociale, il rischio sismico, il rischio idrogeologico, il consumo del suolo, il degrado dell’ambiente, la mancanza di risorse economiche e la conseguente mancanza di qualità architettonica”.

L’immagine della città si rivolge in primis ad architetti ed ingegneri puntando, però, ad allargare il confronto fra tutti coloro che sono in grado di contribuire ad affrontare sfide così elevate. Numerosi e rilevanti sono infatti i nomi degli ospiti chiamati a relazionare in occasione del convegno:  Orsola Reillo, dirigente dipartimento Ambiente e Territorio, Regione Calabria; Giuseppe Mendicino, professore ordinario DIATIC, Università della Calabria; Gianni Massa, vicepresidente Consiglio Nazionale Ingegneri; Amalia Ercoli Finzi, scienziata; Franco Rossi, assessore alla pianificazione territoriale e urbanistica, Regione Calabria.

Il comitato scientifico ha individuato 4 tematiche, io ho concentrato il mio contributo sulla n.3:

  • T1. La città ed il rischio idrogeologico tra vecchie e nuove competenze;
  • T2. Rischio sismico: misure e strumenti di prevenzione e ricostruzione;
  • T3. Adattamento ai cambiamenti climatici in ambiente urbano, strumenti e buone pratiche;
  • T4. La città sostenibile: innovazione scientifica e tecnologica per città efficienti, sicure, sane e accoglienti.

Esiste un nesso tra architettura, urbanistica, ecologia e le politiche economiche? Cosa manca al nostro paese perché si avvii una vera politica volta alla resilienza territoriale? La domanda non è più derogabile nè si può evadere la risposta scaricando la responsabilità sui sindaci o sui tagli finanziari. Si tratta innanzitutto di condividere il problema, prima di confrontarsi sulle soluzioni possibili. A partire da questa condivisione si può pensare a mettere sul tavolo le diverse soluzioni col fine di elaborare un disegno complessivo e lungimirante che non lascia spazio a procedure a compartimenti stagni caratterizzate da interventi singoli e parcellizzati.

Sono proprio queste le riflessioni dalle quali è scaturito il mio lavoro di approfondimento. Il paper, insieme a tutti gli altri selezionati dalla giuria tecnica, sarà pubblicato all’interno di una raccolta con codice ISBN.

Il convegno nazionale “L’immagine della città 2017” si terrà a Cosenza, presso la Sala degli Specchi del Palazzo della Provincia, il 6 ottobre prossimo. Siete tutti invitati.

 

Ti interessa l’argomento? Contattami oppure continua a seguire Casa Smart.

 

 

 

Commenti
Condividilo

Tag:, ,