Impronta ecologica, cos’è e come si calcola

In ambiente,città il
Autore: Staff

L’impronta ecologica, ecological footprint, o impronta del carbonio è un indicatore ambientale che misura l’impatto delle attività umane sull’ambiente ed in particolare sul clima globale; esprime quantitativamente gli effetti prodotti sul clima da parte dei cosiddetti gas serra generati dalle varie attività umane nelle quali si utilizzano grandi quantità di combustibili fossili che bruciando producono anidride carbonica. E’ una misura delle emissioni di CO2 prodotte in seguito allo svolgimento di attività quali il riscaldamento, l’uso dell’auto, i viaggi aerei ma anche nel corso dell’intero ciclo di vita di tutti manufatti utilizzati nelle attività considerate.

L’inquinamento atmosferico è un sistema complesso. Per ipotizzare quali saranno i possibili futuri scenari si utilizzano differenti modelli matematici che tengono conto di differenti fattori socio-economici e di come questi siano in grado di influenzare la salubrità dell’aria e dell’ambiente attraverso l’emissione di gas serra soprattutto CO2, e di gas precursori dell’ozono. Il nesso causale tra aumento della temperatura e globale e concentrazione di gas serra è ormai un dato scientifico incontrovertibile. Le emissioni in atmosfera dovute all’azione umana, generando un effetto serra aggiuntivo rispetto a quello naturale, hanno già prodotto cambiamenti climatici che stanno innescando, per altro, meccanismi di retroazione positiva che accelerano il riscaldamento.

I governi locali svolgono un ruolo decisivo nella mitigazione degli effetti conseguenti al cambiamento climatico, soprattutto se si considera che l’80% dei consumi energetici e delle emissioni di CO2 è associato alle attività urbane.

L’ultima Convenzione quadro dell’Onu sui cambiamento climatici ha lanciato Mission 2020, una campagna di collaborazione per tentare di cambiare profondamente alcuni settori della società e rallentare le emissioni di CO2, fino a fermarle, e in tal modo contenere l’aumento della temperatura media del pianeta, l’aumento del livello dei mari e l’acidificazione degli oceani. 

Il periodo non è dei migliori se si pensa all’uscita degli Usa, per volere di Trump, dagli accordi di Parigi e ad un’altra legge, sempre statunitense, che impedisce agli azionisti delle aziende petrolifere di chiedere conto di ciò che fanno in riferimento al cambiamento climatico.

Non tutto è negativo, però: da almeno tre anni le emissioni di anidride carbonica a livello mondiale sono stabili, nonostante il prodotto interno lordo della più importanti nazioni sviluppate sia aumentato. E tanto altro ancora possiamo fare anche in quanto singoli abitanti del pianeta.

Ci prova, ad esempio, l’Agenzia CasaClima a renderci tutti più sensibili sul tema. L’agenzia, un ente strumentale della Provincia Autonoma di Bolzano, fondata per eseguire la certificazione energetica obbligatoria degli edifici in Alto Adige, il cui protocollo di qualità volontario è ormai diffuso su tutto il territorio nazionale, ha lanciato il calcolatore dell’impronta di CO2.

Il calcolatore serve a scoprire in quali ambiti possiamo davvero dare un contributo alla protezione del clima e dove è nascosto il nostro potenziale di miglioramento di oggi e di domani. Basta compilare il form relativo al proprio profilo. Nel bilancio di CO2 vengono considerati diversi ambiti della vita quotidiana, dall’impianto di riscaldamento della propria abitazione fino alle abitudini di acquisto.

Il calcolatore, in pochi passi, ci aiuta a riflettere sull’incidenza della nostra personale impronta ecologica e a quantificare quali scelte comportamentali siano più efficaci per ridurre le emissioni nei paesi ricchi.

Ci sono tantissimi fattori che influenzano l’impatto sul clima delle scelte individuali, grazie al confronto tra queste fonti possiamo identificare le azioni che fanno la differenza e cercare di migliorare il nostro stile di vita.

Il problema ecologico fondamentale è nel pericolo che la vita biologica sulla Terra venga distrutta. La vita biologica sulla Terra non è sostituibile. Una specie estinta è estinta per sempre. Calcola la tua impronta ecologica e prova a fare la differenza. Basta poco.

Contattaci per dire la tua.

Commenti
Condividilo

Tag:, , ,