Guest post: come e perché farlo

In casasmartperte,Consulenza Smart,marketing e comunicazione il
Autore: Gennaro Del Core

Il Guest post non è altro che un articolo pubblicato sul sito o sul blog di un altro. A cosa serve? Ad avere nuovi lettori che possano, attraverso un link all’interno del testo, accedere al tuo sito o blog.

Semplice. Non tanto.

Nell’ambito della promozione della tua impresa o del tuo studio professionale dovresti prevedere una strategia di link building. Letteralmente, una strategia che porti alla crescita del tuo sito attraverso link esterni allo stesso.

Vediamo passo per passo come effettuare un’attività di guest posting efficace.

1. Scegli il blog/sito giusto per te

Tralasciando i siti web generalisti che parlano, o scrivono, di tutto, ti consiglio di effettuare una ricerca precisa in base al tema di tuo interesse. Ad esempio, Casa Smart si occupa di argomenti legati alla casa con una vision ben definita (orientata alla casa intelligente ed al condominio sostenibile e solidale) e quindi non accetta richieste di pubblicazioni non attinenti.

Richiedi un redazionale sul nostro blog

Ricerca interlocutori adatti al tema, o all’argomento, di cui vuoi parlare. Così facendo, avrai anche i lettori giusti per te. Se ti occupi di finestre non avrà senso richiedere la pubblicazione di un guest post su un sito di appassionati di viaggio.

2. Approfondisci la qualità del blog/sito che hai individuato

All’apparenza potrebbero sembrare tutti uguali ma non è così. Per il bene della tua web reputation ti consiglio di leggere o ascoltare un po’ di materiale presente sul sito che hai scelto. E’ davvero in linea con il tuo tema? Gode di buona reputazione? Ha un numero di lettori davvero interessante (puoi sempre aiutarti guardando la sua pagina o il suo gruppo su Facebook).

Potrebbe capitare che i numeri dicano una cosa ma le interazioni un’altra. Secondo una tendenza di qualche tempo fa bisognava correre per accaparrarsi più fan possibili alla pagina, anche se non davvero interessati. Così, per fare numero e dare l’impressione di avere molto seguito. Ma ti è mai capitato di scorrere pagine da 100.000 e passa follower e non trovare mai un commento? O con al massimo una decina di like ai post? Come è possibile? C’è qualcosa che non torna.

3. Contatta il blogger o la redazione

Adegua la tua attività al gdpr, il regolamento europeo sul trattamento dei dati personali

Spesso per accorgersi se un blog/sito è ancora in attività è sufficiente scrivere e notare il tempo entro il quale si riceve una risposta. Ti accorgerai anche che spesso il servizio di guest post non è gratuito (ma troverai tante piattaforme gratis se vuoi). 

4. Redigi il testo

Molti blogger offrono anche il servizio di copywriting ma poniamo il caso che sia tu a dover scrivere un guest post. Ricorda l’importanza del primo periodo del testo per far capire subito al lettore di cosa si tratta in modo che sia lui a scegliere se continuare la lettura o meno.

All’interno del testo non dimenticare il collegamento al tuo sito! 

Nell’ottica del content marketing ti suggerisco di scrivere più di realtà che di teoria. Racconta una caso pratico del tuo lavoro. Ad esempio, per quel che concerne il settore edile è meglio parlare di un lavoro svolto, magari in tutte le sue fasi di costruzione: dalla progettazione alle finiture (a tal proposito ti segnalo questo articolo). Non perderti in voli pindarici su argomenti del tutto teorici, raramente sono interessanti.

5. Richiedi un report

Ti accorgerai anche da solo se il guest post sul sito di un altro ha funzionato grazie al backlink. Tuttavia, puoi richiedere un report. Su Casa Smart rendiamo pubblico il numero dei lettori per ogni singolo post quindi il problema non si pone.

Per concludere, cura il lessico e la punteggiatura, scrivi di fatti interessanti per i tuoi lettori, ovvero clienti, e verifica l’utilità di scrivere e diffondere un guest post.

Iscriviti alla nostra newsletter

Commenti
Condividilo

Tag:, ,