Federabitazione, costruttori di comunità

In città,debat public,edilizia smart,fascicolo del fabbricato,urbanistica il
Autore: Gennaro Del Core

Sabato scorso a Foggia, presso il D-Campus, ho partecipato all’assemblea regionale di FederAbitazione, divisione di Confcooperative dedicata al settore edile ed all’abitare in genere.

I lavori dell’assemblea hanno portato alla rielezione del Presidente uscente, Bellisario Masi, che si è soffermato sul tema centrale dell’iniziativa: da costruttori di edifici a costruttori di comunità.

#AssembleeRegionali, ecco l’intervento del Presidente di Federabitazione Puglia, Bellisario Masi.

Pubblicato da Confcooperative Puglia su Sabato 12 maggio 2018

Ma cosa significhi davvero costruttori di comunità è proprio Bellisario Masi a spiegarlo: “Soddisfare il bisogno casa ma anche una serie di servizi a supporto di coloro che poi vanno ad insediarsi in una zona o territorio. Il modello cooperativo con la carta dell’habitat riuscirà a dare risposte concrete per un ritrovato rapporto solidale tra i cittadini di un territorio”.

Un’evoluzione del co-housing o social housing se preferite ovvero una comunione di intenti e di obiettivi.

Oltre ad illustrare i risultati raggiunti nel corso del primo mandato, il Presidente Masi ha tracciato l’impegno per il prossimo quadriennio e che prevede, insieme alla facilitazione dei rapporti tra cittadini ed enti anche l’uso di strumenti utili per la sicurezza degli edifici. Questo vuol dire, traducendo, che particolare attenzione verrà data a Debàt Public e Fascicolo del Fabbricato, temi a noi molto cari.

Non è più procrastinabile, infatti, la nascita e la presenza sul campo di figure professionali formate affinché aiutino i processi di “costruzione”, non solo edile, di aree e zone, se non interi quartieri, in condivisione consapevole con i cittadini. Non si parla solo di grandi opere pubbliche ma anche di servizi agli abitanti. Non è più accettabile un consumo di suolo incontrollato per realizzare aree sprovviste poi di elementi fondamentali per la qualità della vita di tutti noi.

Analogamente, i fatti di cronaca ci portano spesso ad eventi tragici di crolli parziali o totali di costruiti ed edifici. Un valido strumento di aiuto al recupero dell’intero patrimonio immobiliare italiano, per la maggior parte molto vetusto, potrebbe essere rappresentato dal fascicolo del fabbricato. Una sorta di libretto che racconti la storia e la genesi di un fabbricato agevolando così non solo temi come la sicurezza ma anche la manutenzione programmata. Indipendentemente che si tratti di ordinaria o straordinaria, i tecnici potrebbero avvalersi di questo sostegno per risalire a chi, cosa, quando e soprattutto come.

Un tema che sentiamo particolarmente  e per questo oggetto della nostra nuova iniziativa a Bari il prossimo 25 maggio.

Commenti
Condividilo

Tag:, , , ,