Si è chiusa a Bari la XII edizione della giornata nazionale sulla sicurezza nei cantieri organizzata da Federachitetti. Alla manifestazione ha collaborato anche l’Ordine degli Architetti di Bari, nel suo intervento dal palco il presidente Mastronardi ha sottolineato l’importanza della formazione per migliorare la sicurezza sui cantieri.

I numeri della Puglia parlano di un bollettino di guerra che proviene dal fronte del lavoro: nel 2021 ci sono stati 65 infortuni ogni giorno, che hanno coinvolto per lo più addetti con meno di 34 anni, mentre 96 sono stati i morti a fine anno.

La XII giornata nazionale per la sicurezza nei cantieri si è svolta per la prima volta a Bari con la collaborazione dell’Ordine degli Architetti P.P.C. e Federarchitetti. Nella sua relazione, il presidente Cosimo Damiano Mastronardi ha ricordato come educare alla sicurezza, fare formazione, diventa un elemento fondamentale che deve vedere coinvolti tutti gli attori del processo edilizio in un procedimento a cascata. La formazione è uno dei pilastri fondamentali del modello prevenzionale e il testo unico della sicurezza ha rafforzato questo principio che però diventa efficace quando si realizza un durevole cambiamento dei comportamenti di tutti gli attori del processo. Gli architetti affermano che è un ruolo che vogliono assumere per contribuire al raggiungimento degli obiettivi comuni ma chiedono che siano apportate alla normativa le modifiche necessarie affinché il loro ruolo nella sicurezza abbia autorevolezza e dignità.

Quindi la formazione non deve restare un concetto astratto o un bollino da aggiungere su qualche tesserino. L’auspicio è che diventi parte integrante del lavoro, in particolare sui cantieri, per azzerare i numeri di questa tragedia sociale quotidiana.

Contatta CasaSmart

Condividilo