COventidue, Milano sperimenta il cohousing

In costruiresmart,condominio,riqualificareunedificio,riqualificazione energetica,vitadacondomini il
Autore: Rossana Saponaro

COventidue è il frutto di un progetto di cohousing avanzato, applicato su di un palazzo in stile Liberty sito in Corso XXII Marzo a Milano. Un esperimento ben riuscito di riqualificazione che coniuga la qualità dell’abitare con servizi innovativi, nel rispetto dell’ambiente  e con prezzi accessibili.

COventidue è il primo progetto di cohousing in centro città d’Europa. Un edificio degli anni ’20, ormai in disuso, è oggetto di un innovativo intervento di recupero. L’immobile è stato messo all’asta più volte, recentemente è stato acquisito dalla società COventidue che ha dato il via alle operazioni di cantiere.

L’edificio di Corso XXII Marzo è stato riprogettato dallo studio Freyrie-Flores mentre l’operazione vede l’arrangement finanziario di Harley Dikkinson Finance.

I 57 appartamenti, di diverso taglio e dimensione, sono stati proposti con progettazione su misura, lavorando con i futuri cohouser sia con incontri one-to-one, sia in progettazione partecipata, secondo il modello ormai affinato da Cohousing.it. Al team di Cohousing.it sono state affidate l’ideazione, l’organizzazione e la gestione del progetto.

Oltre alle residenze, è previsto un piano interrato adibito a cantine. Al piano primo sono previsti, invece, oltre ad alcune soluzioni abitative, spazi di co-working. A Coventidue, con circa 180 mq di spazi comuni coperti oltre ai cortili esterni, ci sarà spazio per una sala polifunzionale, una lavanderia/asciugheria, una foresteria, area giochi per i bambini, un deposito bike, un’area pet e tutto quello che i cohouser desiderano. 

Sarà un edificio gas-free, park free, e-incentive (si ipotizza l’installazione di colonnine di ricarica per le auto elettriche), e sarà totalmente accessibile. Il complesso ambisce a raggiungere la classe energetica A, adottando tecniche innovative di coibentazione (isolante verde di facciata nel cortile, cappotti interni, impianto di riscaldamento/raffrescamento a ventilazione con recupero di calore).

Non appena il progetto è stato lanciato, ha registrato il sold out delle adesioni. Inoltre, tutti gli aderenti al progetto, poiché l’immobile verrà riqualificato, potranno beneficiare di sgravi fiscali.

Cosa ne pensi, andresti a vivere in un cohousing? Conosci altri esempi di cohousing in Italia o in Europa? Contattaci.

Le foto presenti in questo articolo sono state estrapolate dal sito Cohousing.it.
Commenti
Condividilo

Tag:, , , , , , ,