Coronavirus: solo se sarai online potrai ripartire

In marketing e comunicazione,casa,città,condominio,mercato immobiliare,professione e professionisti il
Autore: Gennaro Del Core

Gli effetti del coronavirus stanno impattando sulla vita di tutti noi, purtroppo si registrano anche perdite di vite umane. Tuttavia, non è da sottovalutare nemmeno l’effetto che la pandemia avrà sull’economia mondiale e italiana.

Non potranno sfuggire agli effetti nefasti del coronavirus nemmeno gli ambiti dei quali ci occupiamo sul nostro blog. Per quel che concerne il condominio, ad esempio, è probabile che ci siano grossi problemi a riprendere la normale attività. Soprattutto, potrebbe essere difficile recuperare la liquidità dato che molte persone dovranno probabilmente fare delle scelte e la rata mensile non rientrerà certamente fra le priorità.

Questo a cascata finirà per colpire anche l’indotto che gira introno al condominio. Penso ai professionisti di diversi ambiti che hanno un condominio quale committente o, ancora, alle tante piccole e medie imprese che analogamente lavorano con i condomini. Cosa dire, peraltro, degli amministratori di condominio? Dovranno dividersi cercando di far quadrare i conti: recuperare liquidità e saldare le fatture (comprese le proprie).

Un altro passaggio nel mondo della casa, la rinuncia di investimenti in termini di ristrutturazioni o di adeguamenti e ammodernamenti. Penso in particolare al mondo della domotica che non potrà rientrare certamente fra le priorità di acquisto.

Allora, cosa ci aspetta dopo il coronavirus?

Un momento di difficoltà ma non la fine del mondo.

Un modo per salvarsi e riagganciare la ripresa più velocemente c’è ed è la presenza online.

Proprio così, un insegnamento che ci lascerà questa sciagura sarà quanto sia diventata importante la rete per tutti noi. Il web è centrale nelle nostre vite e, di conseguenza, deve esserlo nella tua strategia di marketing al di là del fatto che tu rappresenti uno studio professionale o un’impresa. Non importa neanche la dimensione della tua organizzazione. Che tu sia un freelance o l’amministratore delegato di un grande gruppo industriale il modo più veloce che avrai per raggiungere i tuoi clienti sarà il web.

Allora comincia a porti qualche domanda per capire cosa hai e cosa ti serve per essere trovato online dai tuoi clienti?

Io ho individuato almeno tre cose:

  1. Sito web;
  2. Pagina Facebook;
  3. Gruppo Facebook.

I miei consigli sono utili per:

  1. Agenzia immobiliare;
  2. Studio professionale (legale, fiscale e tecnico);
  3. Impresa edile.

Sito Web

Sicuramente la base di partenza per la tua strategia online finalizzata a superare le difficoltà derivate dalla pandemia del coronavirus. Un luogo di proprietà, come dico sempre, e quindi al riparo dalle fortune o sfortune di questo o quel social network. Quante piattaforme hai visto brillare e scomparire in poco tempo?

All’interno del sito web puoi caricare i tuoi lavori. Raccontarli attraverso foto e testi ma mi raccomando, in modalità professionale e non dilettante. Foto buie, sfocate e storte non sono certamente un buon biglietto da visita per non parlare di testi con errori ortografici o grammaticali.

Infine, puoi farti indicizzare su Google attraverso un’attività di seo copywriting ovvero calibrando i testi secondo le necessità di essere trovato da chi effettua ricerche, anche attraverso le query, alle quali potresti lavorativamente rispondere tu.

Pagina Facebook

Certo, sono consapevole che oggi sono tanti i social network ma devi fare una scelta. Non serve essere presente dappertutto se poi non te ne prendi cura adeguatamente. Facebook, nonostante tutto, rimane il social più diffuso al mondo e la sua centralità si sta confermando anche ai tempi del coronavirus.

Una caratteristica vincente della pagina rimane quella di poter definire campagne mirate ad un pubblico perfetto per la tua attività. Ormai le possibilità di scelta sono tante e puoi mirare direttamente al tuoi target. Niente messaggi urbi et orbi che non ti restituiscono nemmeno un contatto utile ma poche e semplici linee per raggiungere i tuoi clienti.

Gruppo Facebook

Da qualche tempo Mark Zuckerberg ha esposto la nuova strategia pensata e realizzata per la sua creatura: aumentare la visibilità dei gruppi per permettere alle persone di unirsi e interagire grazie ad un nesso comune. Tuttavia, sei libero di pensare che lo faccia per conoscerci meglio ed indirizzare con più precisione ogni genere di campagna pubblicitaria.

Un gruppo, che ti consiglio in modalità privata, ti consente di accettare le iscrizioni e quindi di stabilire un rapporto vero con ogni singolo utente. Non è importante avere numeri molto alti, spesso finti, perché sai bene che per realizzare il tuo business ti basterebbe la famosa teoria dei 1.000 fan.

Contattaci se hai bisogno di aiuto per la tua attività.

Commenti
Condividilo

Tag:, , , , , , ,