Condominio, che stress i litigi

In vitadacondomini il
Autore: Staff

Che stress i litigi in condominio, parola di amministratore. Tra i problemi più annosi che attanagliano la figura dell’amministratore di condominio, come spiega Francesco Berlen, vi è inesorabilmente la questione legata al contenzioso condominiale.

Se in Puglia si parla di 130.000 cause civili pendenti, relative agli alterchi condominiali, in tutta Italia, la mole complessiva delle medesime raggiunge i 400.000 casi, ovvero il 10% del carico totale giudiziario dei tribunali.

Hai adeguato la tua attività al gdpr? Altrimenti chiedi a noi

Altro dato, alquanto suggestivo, è che i litigi siano più frequenti nelle piccole comunità del sud Italia rispetto alle grandi realtà cittadine del nord.

Quali sono le ragioni che spingono i condomini al litigio?

  1. I criteri utilizzati dall’amministratore per la ripartizione delle spese, in modo specifico, quando la “prassi” del condominio è avulsa dal criterio della ripartizione millesimale;
  2. Le delibere inerenti ai lavori straordinari, sovente impugnate da quella fetta dell’assise condominiale che non le condivide;
  3. La presenza di animali domestici, soprattutto, quando i condomini si incontrano nelle parti comuni
  4. La disciplina delle parti comuni, con condomini che disattendono quelle regole che garantiscono l’utilizzo delle parti comuni facendo seguito al criterio della turnazione
  5. Latitanza, inerzia e scarsa informazione da parte dell’amministratore ; servizi inefficienti per la pulizia delle parti comuni; scarsa manutenzione; orari del riscaldamento centralizzato improponibili;costi eccessivi;
  6. Il dimenticare colposamente o dolosamente oggetti nelle aree comuni (1102 c.c.),Per esempio:  l’automobile parcheggiata nella corsia di manovra del garage condominiale;
  7. L’esterno del condominio: il bucato in evidenza o gocciolante, i mozziconi di sigaretta gettati dalla finestra, lo sbattimento di tovaglie dal piano sovrastante.

E come se non bastasse, a quanto su enunciato, si aggiungono le liti rientranti fra i cosiddetti rapporti di vicinato:

  1. Alterchi che riguardano le immissioni, (art. 844 c.c.) ovvero rumori e odori che pervadono l’intero stabile, scaturenti dalle unità immobiliari del medesimo. L’atavico problema dei tacchi di scarpe femminili a tutte le ore, l’odore di cucine speziate  reiterato, lo spostamento di mobili nelle ore notturne, alle prime luci dell’alba, rappresentano questo genere di motivazione;
  2. I rumori nel cortile, in modo particolare lo schiamazzo dei bambini che giocano con il pallone;
  3. L’acqua del balcone che scorre giù verso gli spazi sottostanti, appartenenti ad altri condomini.

Si possono evitare i litigi in condomino?

Si, se lavoriamo sul nostro comportamento, affrontando la quotidianità con maggiore serenità ed apertura agli altri. Se ci mettiamo nei panni altrui, riuscendo a controllare le nostre emozioni e ad ascoltare le motivazioni altrui, scevri da qualsiasi pregiudizio. Serve allacciare relazioni volte ad uno spirito costruttivo con i nostri vicini. 

Come gestire la morosità in condominio?

Nel corso della mia esperienza sia in qualità di amministratore che di condomino, ho potuto testare almeno quattro tipologie di condomino/vicino di casa:

  1. Il maleducato
  2. Il pignolo
  3. Il litigioso
  4. Il refrattario o menefreghista

Pertanto, scongiurare il contenzioso, in condominio,  è cosa pressoché difficile se non impossibile; nonostante abbia frequentato e maturato esperienze in ambito transazionale, mi accorgo della necessità di competenze specifiche come quelle dello psicologo, del negoziatore e del giurista al quale appartengo.

Qualora tutti i tentativi di risolvere il contenzioso pacificamente dovessero fallire, esiste, ancora una possibilità. La mediazione introdotta Dlgs n. 28/2010 ha sicuramente ridimensionato il numero di controversie all’interno delle aule dei nostri tribunali e , allo stesso tempo, i costi sia in termini economici, sia in termini di stress.

Per far sì che il condominio non sia più un campo di battaglia bensì un luogo di armonia pacifica, occorre percorrere una strada lunga e tortuosa; tuttavia, punterei sulla gentilezza e sul buon senso cosi come ci insegna il buon vicinato.

Francesco Berlen, Help Condominio Bari

Seguici su Telegram

Commenti
Condividilo

Tag:,