Condominio: all’ordine del giorno c’è il Registro?

In vitadacondomini,professione e professionisti il
Autore: Gennaro Del Core

In questo particolare periodo incalzano le discussioni afferenti l’albo o il registro degli amministratori di condominio. Ma la questione è davvero all’ordine del giorno? Risponde Francesco Berlen, Presidente Help!Condominio Bari.

Alcune associazioni di categoria chiedono l’asseverazione della politica, nella speranza di ottenere una regolamentazione, oserei dire, saltata a piè pari dalla legge di riforma del condominio. Ma le “chiacchiere” sono tante e i risultati tardano ad arrivare; forse perché la politica è presa da altre priorità (vedasi Reddito di Cittadinanza, immigrazione e riforma delle pensioni).

All’incontro per l’istituzione di un registro, organizzato da Anapi all’Expo di Milano qualche giorno fa, per dar seguito alla proposta del Sottosegretario alla Giustizia, J.Marrone, le associazioni presenti hanno sollevato ulteriori problematiche inerenti la professione, perdendo, a modesto parere dello scrivente, di mira l’ordine del giorno.

Visto l’esito dell’incontro e i forti interessi di altri professionisti “albati” affinché il tutto confermi lo status quo, credo sia utopistica l’istituzione del registro, tantomeno quella di un albo; a dirla tutta, questa è da molti considerata, anche dallo stesso legislatore della legge di riforma, una professione figlia di un Dio minore, una sorta di “salvagente” per arrotondare l’emolumento di altri professionisti o dei dopolavoristi.

Per questi motivi, penso che continueremo a disquisire su queste tematiche all’infinito, senza raggiungere l’obiettivo prefissato che metta d’accordo tutti gli addetti al mestiere. È opportuno formarsi adeguatamente e strutturarsi in modo imprenditoriale, se non si vuol seguire la strada dei dinosauri, così come suggerito da alcuni formatori di categoria.

Da ultimo, corre voce che la Schindler abbia ideato un software all’avanguardia per la gestione degli immobili in condominio e non si esclude la possibilità che la stessa società scenda in campo attivamente con la gestione del patrimonio immobiliare; per non parlare, poi, delle Banche e delle Società Asiatiche pronte ad accaparrarsi il mercato entro il 2020.

In conclusione, a mio avviso sarebbe opportuno superare l’eterno dilemma Albo-Registro/Si e Albo-Registro/No, strutturandosi in modo imprenditoriale senza tralasciare competenza e professionalità, puntando, oggi più che mai, verso una figura di “Amministratore Evoluto”.

Francesco Berlen, Presidente Help!Condominio Bari

Segui Casa Smart su Linkedin

Commenti
Condividilo

Tag:, , ,