CondoHotel, Berlen: “Un investimento sicuro”

In condominio,vitadacondomini il
Autore: Staff

Il decreto “Sblocca – Italia” ha introdotto nel nostro paese la formula del Condohotel. Una opzione per i proprietari degli alberghi a bassa profittabilità per provare a mettere a valore parti degli edifici ad uso residenziale. Per Francesco Berlen, dell’associazione Help Condominio, un investimento “perfetto e sicuro”.

“Qualche tempo fa, dopo aver analizzato i dati sull’economia del turismo in Puglia,

Partecipa al nostro prossimo incontro

decisi di intraprendere un percorso affine al mio lavoro di amministratore di condominio e frequentare un master in Hotel Management & Digital Tourism. 

Nel corso di questa esperienza formativa ho avuto la possibilità di approfondire il settore, avendo avuto, successivamente alla prova finale, la possibilità di lavorare come stagista part-time negli uffici dell’Hotel D’Aragona di Conversano.

Il settore turistico condivide il primato, per importanza nell’economia regionale, con quello agricolo in tutte le sue declinazioni. A mio avviso, si tratta dei maggiori strumenti di sviluppo nelle nostre mani.

Ma non è tutto oro quello che luccica….

La nostra regione risente molto della stagionalità del lavoro che si concentra, prettamente, nel periodo primaverile-estivo, non riuscendo a garantirsi un afflusso di turisti per l’intera annualità.

I Condo Hotel possono rappresentare l’alternativa ideale per sopperire al lungo periodo invernale?

Certamente sì, perché la formula del CondoHotel, nata negli U.S.A qualche tempo fa e diffusasi recentemente in Europa, soprattutto in Francia, ha prodotto in pochissimo tempo i suoi frutti, consentendo la riqualificazione di vecchi alberghi  con  un’offerta a cinque stelle per gli acquirenti delle camere.

Il sistema proposto in Francia è molto semplice: si acquista una camera, l’albergatore la gestisce e divide l’utile dell’affitto con il proprietario per il periodo in cui non è occupata dalla stesso.

Futuristico? Direi una forma di investimento perfetta e sicura, soprattutto per chi ha voglia di investire nel “mattone”, delegando la gestione all’albergatore nel periodo in cui la camera non è occupata.

Può l’amministratore di Condominio svolgere le stesse funzione del direttore della struttura di un CondoHotel?

L’amministratore e il direttore di una struttura alberghiera sono figure affini, ma non sovrapponibili:un po’ come per la figura del revisore contabile condominiale.

Dirigere un CondoHotel senza l’adeguata formazione si rivelerebbe un boomerang per questo settore che è ancora in uno stadio iniziale, vittima per anni del pressappochismo che ha dominato il nostro paese, soprattutto nel Sud-Italia.

E’ opportuno avere la giusta preparazione per affrontare queste nuove sfide:il capitale umano deve possedere un background di materie specifiche quali il Revenue Management, Booking, Housekeeping Management e Event Managemet, viatico indispensabile in questa realtà lavorativa.

Non ci resta che formarci adeguatamente per ,poi, sperimentare!

Contattaci

Commenti
Condividilo

Tag:, ,