Cohousing, modelli abitativi innovativi

In vitadacondomini,condominio il
Autore: Rossana Saponaro

Il cohousing non è una tendenza, è una vera e propria mission che può portare a modelli abitativi a dir poco innovativi. Progettare case dal forte senso identitario, dar vita a luoghi in cui le persone sentano forte il senso del “bello sostenibile”.

Vivere in modo collaborativo e sostenibile, si può? La filosofia del cohousing, nata in Danimarca negli anni ’60, sposa uno stile di vita che mette al centro i rapporti di buon vicinato con l’obiettivo di garantire alta la qualità della vita per tutte le famiglie che desiderano vivere in contesti aperti, innovativi dove poter instaurare rapporti e relazioni felici e durature.

Nascono così i cohousing, un mix di abitazioni private, spazi e servizi comuni pensati, progettati e realizzati dai loro futuri abitanti, i cohouser. Da un po’ di tempo, progetti di questo tipo stanno prendendo vita anche in Italia. Basta pensare alla nascita di una vera e propria community sviluppatasi sulla piattaforma Cohousing.it.

Iscriviti gratuitamente al nostro prossimo convegno

I principi su cui si fonda il cohousing sono diversi e soprattutto lodevoli: la pianificazione partecipata, il recupero e la riqualificazione del patrimonio immobiliare, l’innovazione sociale, la sostenibilità (nella sua accezione più ampia). D’altro canto, i benefici sono molteplici: funzionali, sociali, economici e ambientali.

Ma chi sono i cohouser? Generalmente si tratta di dipendenti o liberi professionisti, ma anche di pensionati o imprenditori; la fascia d’età dei cohouser è generalmente compresa tra i 36 ed i 55 anni.

“Per gli architetti, la formula innovativa del cohousing comporta uno spostamento della committenza dall’impresa immobiliare all’utente finale, ossia il futuro abitante che incide su ogni passaggio del progetto”, afferma Freyrie, già Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti. “Una  sfida,  in tempi  di  crisi,  che  è  stata  vinta  rivoluzionando  il modello tradizionale  del mercato immobiliare”. Freyrie è il progettista di COventidue, un esperimento di cohousing le cui operazioni di cantiere sono attualmente in corsa a Milano. Si tratta del primo caso in centro città d’Europa, ed è già sold out.

Conosci esempi di cohousing in Italia o in Europa? Contattaci.

Condividilo

Tag:, , , , ,