Alcuni chiarimenti sulla fornitura idrica di AQP

In condominio,casa,vitadacondomini il
Autore: Staff

La fornitura idrica è il principio del funzionamento di un condominio ma spesso è al centro di equivoci e fraintendimenti. Ecco alcuni chiarimenti, allora, visto che spesso mi trovo innanzi a quesiti inerenti il rapporto tra condominio ed ente idrico.

Per ragioni territoriali, vivo e lavoro in Puglia, mi riferisco all’ente Acquedotto Pugliese.

In particolar modo negli ultimi tempi ricevo un quesito in materia: “Le unità commerciali devono distaccarsi dal contatore generale condominiale?”

“Certo che si!”

La risposta è affermativa ed è riscontrabile nel regolamento dell’ente idrico stesso ed in vigore dal 2013. Da un’attenta analisi del regolamento AQP, rileviamo facilmente il divieto assoluto all’uso promiscuo della fornitura idrica (Art.10), stabilendo, in maniera definitiva, le varie tipologie di contratto che l’ente stipula: domestico, commerciale, industriale o pubblico.

Le unità commerciali devono, inoltre, rispettare le normative ambientali in vigore che prevedono, nello specifico, che lo scarico delle acque debba rispettare i parametri in relazione al codice ATECO dell’attività, prevedendo, anche, la predisposizione di pozzetti idonei al prelievo delle stesse, nel rispetto delle disposizioni previste dalla ASL.

Ma i costi del distacco a chi spettano?

I costi dei lavori per il distacco dall’impianto condominiale sono a carico dell’intestatario dell’attività commerciale che dovrà procedere con la richiesta di un nuovo contratto di somministrazione all’Ente. E’ opportuno sottolineare la differenza tariffaria, ma, anche i benefici che l’unità commerciale potrà usufruire successivamente. ( Es. scaricare l’IVA sul contratto di somministrazione).

Come dovrà procedere l’amministratore di condominio?

L’amministratore dovrà procedere, in qualità di responsabile dell’impianto idrico del condominio, con un sollecito nei confronti dei proprietari delle unità coinvolte per far sì che si distacchino dall’impianto comune, non trascurando i profili penali annessi per omessa denuncia all’ente di un allaccio non conforme alle prescrizioni del regolamento.

Francesco Berlen, amministratore di condominio

Socio fondatore dell’associazione Help Condominio

Contattaci

Condividilo

Tag:, , , ,