Partita la campagna di sensibilizzazione della sezione di Bari della Federazione italiana mediatori e agenti d’affari contro coloro che esercitano abusivamente la professione. Gigi Foresio, presidente Fimaa Bari: “Ci sono rischi per l’utenza finale”.

L’abusivismo è un problema in diversi settori dell’economia ma ce ne sono alcuni nei quali diventa particolarmente pericoloso per la clientela. E’ quello che riguarda la compravendita nel mercato immobiliare e per questo motivo la delegazione di Bari della Fimaa, Federazione italiana mediatori e agenti d’affari, ha deciso di lanciare una campagna di sensibilizzazione a contrasto di figure professionali inadeguate, impreparate e che non hanno alcun titolo.

Spiega il presidente della Fimaa Bari, Gigi Foresio: «Gli agenti immobiliari seguono un percorso formativo, fatto di studi e di esperienze sul campo, che viene terminato con un esame scritto e orale in Camera di commercio. Una modalità, come si vede, impegnativa e certificata in ognuno dei suoi passaggi. Laddove, invece, si abbia a che fare con agenti che tali non sono, si corre il rischio, ad esempio, di saltare passaggi normativi e che possono costare anche molto caro».

Lo scorso anno la stessa Fimaa Bari ha effettuato diverse segnalazioni alle autorità con il risultato che sono state individuate dieci persone che svolgevano abusivamente la professione. Si tratta, in questi casi, anche di fattispecie che sconfinano nelle truffe, come racconta ancora Foresio: «Qui non parliamo di un amico o semplice segnalatore al quale riconoscere un caffè. Si trattava proprio di operazioni fraudolente con tanto di finte agenzie». In provincia soprattutto, infatti, non è difficile trovare qualche persona cara che provi a dare qualche dritta o che segnali un immobile in vendita, ma questa sorta di “agenzia di vicinato” può comportare problemi nello svolgimento di tutto il procedimento di compravendita. Si comincia con la redazione della documentazione necessaria, con le verifiche di tutti gli attestati necessari fino ad arrivare ad analizzare la presenza di eventuali ipoteche o abusi edilizi. Un lavoro da professionisti. Conclude il presidente degli agenti immobiliari di Bari: «La nostra campagna è sì a tutela della categoria ma rivolta all’utenza affinché riconosca un finto agente quando ne incontri uno. All’occorrenza basta chiedere in Camera di commercio per verificare l’effettiva iscrizione al registro. Bisogna stare attenti per non pentirsene quando sarà troppo tardi».

Contatta CasaSmart

Condividilo

By Gennaro Del Core

Comunicatore e giornalista