Auto elettriche, la ricerca di Avvenia

In condominio,condominio4.0,vitadacondomini il
Autore: Gennaro Del Core

Le auto elettriche si stanno facendo strada, pur tra mille difficoltà, in tutto il mondo e, anche se in misura minore, persino in Italia. Emerge dalla ricerca di Avvenia, ESCo (Energy Service Company) di Terna.

Cosa porta un blog sulla casa a parlare di una ricerca sulle auto elettriche? Beh, ci siamo già occupati della norma che dal prossimo anno imporrà la predisposizione di infrastrutture condominiali, per nuove costruzioni o ristrutturazioni profonde, finalizzate l’allaccio delle colonnine elettriche.

Avvenia è uno dei maggiori player italiani nell’ambito dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale.

Negli scorsi giorni ha presentato una ricerca secondo la quale il numero di vetture alimentate ad energia elettrica sta aumentando in maniera esponenziale anche in Italia. Nel nostro paese un auto su 5.000, per le nuove immatricolazioni del 2016, è stata acquistata ad alimentazione di energia elettrica. Un risultato non entusiasmante in termini assoluti ma con buone prospettive in termini di crescita.

Promuovi il tuo brand con un redazionale su Casa Smart

Molto meglio, secondo le stime di Avvenia, lo scenario mondiale. Entro il 2040, secondo le stime, si passerà dagli attuali 1,3 milioni di veicoli a ben 150 milioni!

Quello che frena ancora un’esplosione definitiva dei modelli di auto alimentati ad energia elettrica è certamente il costo, diretto ed indiretto, che comporta.

Non c’è dubbio che la strada sia segnata e chi segue il nostro blog conosce la nostra posizione a favore del risparmio energetico e dell’uso più consapevole delle risorse naturali.

Il petrolio servirà sempre meno, tuttavia, ad oggi i veicoli costano ancora troppo e portano una difficoltà oggettiva nella distribuzione delle colonnine per le ricariche. Allora ben venga la norma introdotta dal Governo che introdurrà l’obbligo, a partire dal prossimo 1 gennaio 2018, di costruire o ristrutturare gli edifici pensando già al futuro ormai prossimo. Bisognerà prevedere già la predisposizione all’allaccio di infrastrutture in grado di ricaricare veicoli ad alimentazione elettrica.

Buon viaggio.

Iscriviti alla nostra newsletter.

Commenti
Condividilo

Tag:, , , ,