Secondo appuntamento domani a Bari per il progetto “Abitare il Paese – La cultura della domanda. Attivare comunità educanti: nuove generazioni per un progetto di futuro”. L’iniziativa nazionale è stata organizzata dal Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, in collaborazione con la Fondazione Reggio Children, e l’ordine di Bari l’ha portata nell’istituto scolastico Marconi-Hack di Bari. L’obiettivo è avvicinare gli studenti al mondo dell’architettura, con particolare riferimento a tematiche come la sostenibilità e l’edilizia scolastica.

Dall’aula alla città e dalla città all’aula, secondo incontro per la prima edizione barese, quarta nazionale, del progetto “Abitare il Paese” promosso dall’ordine degli architetti. Il progetto è coordinato da tre tutor architetti: Porzia Pietrantonio, vicepresidente dell’OAPPC, Grazia Nanna, delegata dell’Ordine OAPPC e Valeria De Mattia, insegnante all’istituto scolastico Marconi-Hack.

Scopo del percorso è attivare una comunità educante con gli studenti e gli insegnanti e i tutor che guideranno questo percorso di co-progettazione; i ragazzi sono i veri protagonisti del cambiamento per una scuola più sostenibile che si apre a nuove modalità di insegnamento. Il loro coinvolgimento non è nella progettazione, ma nella partecipazione alla ricerca del senso della scuola del futuro nel rapporto con la città, luogo delle relazioni e degli incontri. Nella prima giornata la nuova comunità educante formata dagli studenti di due quarte, una con indirizzo grafica dell’istituto tecnico Marconi e una dell’indirizzo scientifico, scienze applicate, del Margherita Hack, è emersa la riflessione circa la città nel rapporto con la scuola sostenibile. Hanno espresso i loro pensieri, dubbi, preoccupazioni e speranze per il futuro della città di Bari fornendo un primo contributo importante per sviluppare nuove idee e progetti: il tema dei trasporti, dei percorsi per il raggiungimento della propria scuola, della sicurezza stradale, del verde, dei loro punti di ritrovo. E proprio dagli studenti, dai loro primi grafici, dalle loro parole chiave che i tutor hanno estrapolato il titolo del tema, candidato al progetto Nazionale Abitare il Paese, che si andrà a sviluppare nei prossimi mesi: “Dalla città all’aula. La nuova comunità educante sostenibile”.

Il presidente dell’Ordine, Cosimo Damiano Mastronardi, spiega le ragioni dell’iniziativa: “A volte tutti noi non ci rendiamo conto di quello che è intorno a noi e allora abbiamo stimolato i ragazzi a fare attenzione alla città che li circonda per individuarne criticità ma anche soluzioni“. La vice presidente Porzia Pietrantonio fa un passo avanti: “La parola d’ordine del progetto è “ascolto”, nel senso proprio che noi ci siamo messi in ascolto dei ragazzi e loro hanno fornito spunti davvero interessanti. Alcuni, poi, divisi in gruppi hanno elaborato persino soluzioni ad alcuni problemi, come l’individuazione e il disegno di colonnine elettriche per le e-bike“.

Rientrerà nell’ambito del progetto anche un percorso formativo per gli studenti (PCTO). E’ stata sottoscritta la Convenzione tra il l’Istituto IISS Marconi Hack, rappresentato dalla Dirigente Scolastica professoressa Anna Grazia De Marzo, e l’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della provincia di Bari, rappresentato dal presidente Cosimo Damiano Mastronardi. La convenzione regolerà i rapporti tra i due Enti per lo svolgimento di un percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO) rivolto agli studenti che partecipano al progetto.

Contatta CasaSmart

Condividilo